JERRY SPRINGER: THE OPERA (2003)


Cari amici vicini e lontani,

quel che vi offriamo oggi è uno dei caposaldi degli ultimi decenni. L’opera, scritta da Stewart Lee e Richard Thomas, tratta dal talk show più trash di ogni tempo, il Jerry Springer Show, per l’appunto: quello in cui i peggiori casi umani d’America vanno a mettere in piazza la propria vita privata e spesso e volentieri si accapigliano tra di loro e/o col pubblico, una roba che al confronto C’è Posta Per Te è Superquark. Applicare i codici ‘alti’ dell’opera a cotanto squallore è l’operazione operata da Lee e Thomas, risultando in uno di quei rari lavori capaci di porre una pietra tombale sulla propria epoca (in questo caso gli anni ’90) e farne un esaustivo compendio.
Il popolare conduttore del più famoso rituale americano di punizione e redenzione deve affrontare l’ospite più problematico di sempre. Estremamente licenziosa, blasfema e volgare (contiene circa 8000 parolacce, tra cui 3168 ‘fuck’ e ben 297 ‘cunt’), quest’opera, trasmessa da BBC2 nel 2005 (la versione qui presente), non ha mai avuto vita facile, e in alcuni casi i teatri sono stati teatro di proteste di sparuti gruppi cristiani britannici.
Nel 2008, Jerry Springer ha debuttato a New York, con il protagonista interpretato da Harvey Keitel.


Lo stesso anno, il vero Jerry Springer assiste a una replica londinese. “Avrei preferito fosse su qualcun altro. È stato imbarazzante vederla. Primo, perché era su di me, quindi non è un’esperienza comune. Non posso chiamare Figaro o Carmen per chiedergli come gli è parsa la loro opera. È un momento molto personale che non posso condividere con nessuno. E poi è stato imbarazzante perché tutti si voltavano verso di me per vedere come reagivo. Non ero molto a mio agio.”
È notizia recentissima che dal prossimo inverno, Jerry Springer: The Opera sarà messo in scena a Broadway.
Uno degli ultimi spettacoli tradotti da Luca Paini prima di lasciarci (mi).

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

Comments (4)
  1. simone 10 luglio 2017
  2. oniram 22 luglio 2017
    • Adrien Vaindoit 22 luglio 2017
      • oniram 25 luglio 2017

Rispondi a Adrien Vaindoit Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *