TREVOR NOAH – Lost in Translation (2015)

334253-117917-14

Cari cannibali,

Star Wars, Checco Zalone, Porco Dio in Rai e anche per questa volta col SEO siamo a posto. Prima della guerra termonucleare alla Corea del Nord, vi conviene guardare questo spettacolo, che è un vero must have – come del resto tutto quello che pubblichiamo, ma ancora di più. Si tratta dello show della consacrazione di Trevor Noah, successore di Jon Stewart alla conduzione del Daily Show, accettando la quale Trevor ha dovuto rinunciare amaramente alla sua fidanzata sudafricana. Prodotto anch’esso da Comedy Central, questo special evidenzia come il vero campo da gioco di Trevor non sia tanto la scrivania del Daily Show ma il palcoscenico della stand-up comedy, che domina magistralmente.

Trevor Noah nasce nel 1984 a Johannesburg e fin da giovanissimo si afferma prima in Sudafrica e poi negli Stati Uniti grazie alle sue doti comiche, con le quali riesce a trattare in maniera divertente temi scottanti come il razzismo o l’apartheid.

Le origini africane e l’apartheid

Gli spot Unicef

Anche in Lost in Translation, la partenza leggera si tramuta improvvisamente e con classe sopraffina in un lungo pezzo sulla violenza della polizia USA sui neri. Il tema della discriminazione è al centro anche del pezzo successivo, sul virus Ebola, che vi mostriamo in questa forma ridotta esibita al Comic Relief.

 

Poi ancora umorismo sulla percezione mediatica delle minoranze alla luce di attentati come quello ai danni di Charlie Hebdo, con punti di vista sempre solidi, brillanti e mai alcuno sconfinamento nella retorica, il tutto condito da ottime battute e un vasto campionario di voci e accenti. I riferimenti aurei sono Eddie Murphy per l’istrionismo e Chris Rock per le tematiche di rilevanza sociale e razziale.

In alcune tappe del tour di Lost in Translation, Trevor ha anche proposto un pezzo sul colonialismo, non presente nella registrazione dello special, ma che dovrebbe essere questo.

Bene, direi che per ora è tutto, non vi resta che

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

Traduzione: Adrien Vaindoit, Luca Paini

Revisione: Kim Jong-Un

Durata: 53’45”

Comments (6)
  1. sandrez 8 gennaio 2016
  2. quasicomefaber 9 gennaio 2016
  3. oniram 18 gennaio 2016
  4. claire 9 marzo 2016

Rispondi a Adrien Vaindoit Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *