WOODY ALLEN – Men of Crisis: The Harvey Wallinger Story (1971)

Men of Crisis- The Harvey Wallinger Story_001_44875

Dal profondo internets viene a galla quello che meno ti aspetti. Stavolta, non si tratta di metodi per ordinare metanfetamina comodamente da casa tramite valuta virtuale, ma è roba che scotta altrettanto. Grazie ai nostri infaticabili scavatori (dei ciechini minorenni), tiriamo fuori dal baule una nuova vecchia perla di Woody Allen, finora rimasta praticamente inedita e quindi sfuggita alle grinfie di Oreste Lionello. Si tratta di un cortometraggio satirico con protagonista Woody in una versione scalcagnata di Henry Kissinger. Con la forma del mockumentary che aveva già contraddistinto Take the Money and Run e contraddistinguerà successivamente Zelig, Woody mischia immagini di repertorio e girato originale e interpreta Harvey Wallinger, consigliere del neo-rieletto Richard Nixon, con tutto ciò che di esilarante ne deriva.

Nel 1971, quindi, tra Bananas (dello stesso anno) e Everything You Always Wanted to Know About Sex (1972), Woody realizza questo mockumentary e lo consegna a WNET, una piccola TV niuorchese e poco tempo dopo, nel febbraio del 1972, ne viene programmata la diffusione su più di 200 stazioni TV della PBS in tutto il territorio nazionale. Tuttavia il 1972 è l’anno delle elezioni da cui uscirà vincitore per la seconda volta Richard Nixon. E la PBS, temendo per le proprie licenze per il broadcast e per i fondi federali di cui usufruiva, giudicò poco opportuno mandare in onda un prodotto che prendeva bellamente per il culo il Presidente e i suoi sodali. Woody Allen restò con l’amaro in bocca e prese la decisione di dedicarsi da allora in avanti esclusivamente al cinema.

Nel film compaiono anche Diane Keaton (sua prima apparizione in un film di Allen) e Louise Lasser, nel loro solito ruolo di amanti o ex amanti. L’umorismo è quello stellare del primo Allen e mantiene intatta la sua brillantezza nonostante molti dei personaggi sbeffeggiati siano ormai estinti e brucino da tempo tra le fiamme infernali. L’eccezionalità del film è costituita dal fatto che si tratta di uno dei rari casi in cui Woody fa satira politica vera e propria. A modo suo, ovviamente: non si indulge sui fatti specifici (lo scandalo Watergate peraltro ancora non era scoppiato) e forse ciò ha permesso al film di rimanere freschissimo ancora oggi che nomi come Spiro Agnew o John Mitchell non dicono più molto.

 

DOWNLOAD SOTTOTITOLI

Traduzione: Adrien Vaindoit, Luca Paini

Revisione: Henry Kissinger

Comments (5)
  1. Andreas Papoutsis 30 luglio 2014
    • Cesco 3 agosto 2014
      • piconepasquale 9 settembre 2014
        • piconepasquale 9 settembre 2014
  2. wallachfinch 16 agosto 2014

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *