BILL BURR – The Philadelphia Incident (2006)

Capita a tutti i comici di avere serate storte, di trovarsi di fronte un pubblico difficile o impreparato, di dover magari affrontare dei disturbatori. Sono serate in cui vorresti eclissarti dal palco e fuggire per dimenticarle al più presto.

Ma non se ti chiami Bill Burr e sei capace di affrontare i fischi di 10.000 persone, trasformando un fiasco clamoroso in uno degli eventi più famosi della storia recente della stand-up comedy.

9 settembre 2006: l’Opie and Anthony‘s Traveling Virus Comedy Tour sbarca nei pressi di Philadelphia, più precisamente al Tweeter Center di Camden, un grande anfiteatro all’aperto con vista sul fiume Delaware e sul Benjamin Franklin Bridge. Il Virus Comedy Tour è una carovana di comici tra i più cazzuti del momento, come Patrice O’Neal e Jim Norton, Tracy Morgan e Bob Saget, tanto per fare qualche nome oltre a Bill.

Ma inspiegabilmente la serata è un disastro: una folla numerosissima, si accalca nello stadio e inizia da subito a fischiare il primo artista. E più si va avanti, più continua. Fino a quando, tornato dietro le quinte il povero Dom Irrera, è il turno del rissoso, irascibile, carissimo Bill Burr.

A lui il pubblico che non ride non piace mica tanto. Peggio ancora se rompe i coglioni. E migliaia di ubriachi urlanti non lo spaventano.

Sul palco arriva come un novello Charles Bronson e fa piazza pulita in dodici minuti (il tempo previsto per il suo set), in cui si produce nella più lunga serie di insulti mai sentiti contro la città di Philadelphia: abitanti, mamme, monumenti, squadre sportive, eroi locali, usi e costumi.

Il tutto – fortuna nostra – immortalato dal telefonino traballante di qualche ignoto spettatore, tra fischi crescenti, ma anche sonore risate, fino all’apoteosi finale, per la quale useremmo la parola “catarsi” se solo sapessimo cosa vuol dire.

Ad ogni modo, questo è Bill Burr quando s’incazza.

P.S. Fino al secondo minuto c’è solo l’audio, da lì in avanti partono anche le riprese.

Comments (1)
  1. kousin jerry 20 ottobre 2015

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *